Lorena Ghizzoni


Vai ai contenuti

Le mie mostre


Peio agosto 2014



Pelizzano agosto 2013


L'acquerello non è solo una tecnica pittorica: ... è un emozione.

Le tematiche che maggiormente sviluppo si spogliano delle caratteristiche puramente figurative lasciando
trasparire l'essenza, la parte più intima e nascosta dei soggetti rappresentati.

Il
colore, opportunamente diluito, suggerisce le forme e attraverso le trasparenze qualifica le emozioni.

Dipingere ad
acquerello significa ottenere effetti cromatici e di trasparenza unici e inaspettati, e al contempo, sperimentare effeti di colore nuovi e sorprendenti.




Vorrei dedicare questa mostra ad una cara, carissima amica che non c'è più...
Mi è stata vicina quando lo scorso anno, in seguito a varie perdite, sono rimasta sola...
Mi è stata vicina in altri momenti di grande difficoltà...
La sua presenza costante e silenziosa, mi dava la forza di sorridere, di parlare, di fare...
Era l'impegno quotidiano grazie al quale mi sentivo di nuovo importante.
"... ti ho rappresentata in molti acquerelli, e per anni sei stata la mia musa ispiratrice, attraverso i tuoi ritratti, spero di avere trasmesso l'affetto che ci legava,
che mi legava alla mia Tata..."
Grazie per esserc stata, sempre...


Lorena Ghizzoni


Correggio marzo 2013


Noi... tra luce e notturni


L'acquerello è una tecnica molto nota e praticata anche perché apparentemente semplice.
In realtà è tra le più difficili dato che si materializza con l'acqua mista a poco o pochissimo pigmento. L'acqua è fuggevole
si dispone, si mescola, si disperde all'istante, ed è solo l'abilità unita alla sensibilità dell'artista, che può cogliere l'attimo giusto in cui intervenire.
Lorena Ghizzoni è un abile acquerellista, capace di usare la tecnica con straordinaria sensibilità.

I temi proposti in mostra sono: scorci della città di Correggio, la 'Gatta' e i Fiori.
Nei paesaggi presenta notturni con scorci prospettici, porzioni di architetture, particolari.
Le tenebre sfumano nei molti toni del grigio, mentre un lampione, con un VOLO di luce, illumina di colori caldi e soffusi i viali alberati, e radente descrive le architetture.
Lo spazio prospettico bene organizzato, i particolari suggeriti più che descritti, le tonalità dei colori ci rimandano a un'atmosfera un pò surreale,
come un abbandono alla poesia.
Il monumento ad Antonio Allegri, più conosciuto con il nome della sua città 'Correggio' è interpretato, nella costruzione del volume, a colori anche abbastanza vivaci anzichèa chiaroscuro monocromo, così da condurci subito alla "pittura" e al suo grande interprete, vanto della città.

Ma è nella "Gatta" forse il soggetto più amato, che l'artista riesce a sintetizzare
spazio, linea, colore, in modo tale da cogliere il significato complessivo dell'animale: il carattere dato dalle movenze, dallo sguardo magnetico, dalle abitudini, dagli umori.

Infine il tema dei "Fiori" così diffuso in chi pratica questa tecnica, è solo apparentemente semplice.
Nelle composizioni di Lorena il rapporto spazio colore, volume, è tanto equilibrato da apparire naturale.
Spesso la luce è rappresentata da uno spazio lasciato bianco, così che i colori intorno, dialoganti, creano il volume.
L'effetto è leggiadro tanto da farci percepire la fragranza del profumo.

Proff.ssa Anna Ferrarini



Mille papaveri rossi

Home | Biografia | Le mie mostre | Scuola | Contatti | Tutorial | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu